News

Come funzionano i fondi ETF? Ecco una breve guida

L’evoluzione dei prodotti finanziari
Come sono cambiati i fondi d’investimento

Le tecnologie e la digitalizzazione hanno determinato un’evoluzione nell’ambito del settore finanziario. Oggi grazie a un computer, a una linea internet e a un broker on-line puoi effettuare investimenti in prodotti finanziari che fino a pochi decenni fa erano accessibili solo ai grandi investitori istituzionali o ai trader professionisti.

Un esempio sono gli ETF, strumenti che ti offrono nuove opportunità di guadagno. Ma come funzionano gli ETF?

Quali sono i vantaggi di utilizzarli?

Di seguito ti forniremo una guida in modo da comprendere le loro potenzialità e gli eventuali vantaggi che puoi avere nell’utilizzarli.

Cosa sono gli ETF
I fondi indicizzati

Investire in un fondo, vuol dire che si condivide l’acquisto del prodotto finanziario insieme con altri soggetti. L’ETF è l’acronimo per identificare gli Exchange Traded Fund che letteralmente sono dei fondi di investimento ma che hanno delle caratteristiche che li rendono dei prodotti finanziari molto allettanti data la tipologia di strategia passiva impiegata.

Infatti l’aspetto che li identifica e differenzia dai fondi comuni, riguarda il fatto che si riferiscono a un particolare indice, replicandone un andamento e riferendosi a un gruppo di titoli che sono al suo interno che prendono il nome di benchmark.

Le caratteristiche dei fondi comuni di investimento
Quali sono gli aspetti che li rendono un prodotto innovativo e ricercato

 

Ma quali sono gli aspetti che rendono un ETF un prodotto finanziario su cui investire? Di seguito elenchiamo le caratteristiche più importanti:

  • gestione passiva: gli ETF si caratterizzano per una gestione passiva, ciò vuol dire che rispetto agli altri fondi in cui il gestore ha ampia libertà nell’acquisto di titoli, negli Exchange Traded Fund sarà possibile solo impiegare quelli presenti al suo interno ovvero il benchmark. Questa realtà garantisce una certa sicurezza nei tuoi investimenti;

 

  • investimento a breve e lungo termine: potrai effettuare trading on-line con diverse strategie impiegando quindi gli ETF in operazioni short di acquisto e vendita intraday, oppure mantenere aperta la posizione del fondo a lungo termine, sfruttando l’andamento dell’indice di riferimento;

 

  • accessibilità: l’operatività sugli ETF è molto semplice, dato che l’acquisto e la vendita avviene attraverso un broker autorizzato e quindi potrai operare direttamente secondo le strategie di trading;

 

  • negoziabilità continua: sarà possibile acquistare e vendere gli ETF durante la giornata dato che le loro quotazioni sono continue e rispecchiano l’indice di riferimento.

 

Come funzionano
L’acquisto e la vendita gli ETF

 

Ma come funziona un ETF? Dietro ad ogni fondo di investimento a gestione passiva vi è un gestore che viene definito il market maker, il quale acquista un paniere di titoli creando quindi il così detto benchmark.

Nel momento in cui decidi di effettuare un’operazione su un ETF avrai quindi la disponibilità di una percentuale del fondo.
Per operare sugli ETF sia a lungo che a breve termine dovrai per prima cosa scegliere un broker on-line che sia adatto alle tue esigenze, attraverso il quale operare direttamente su una serie di ETF.

La scelta non è sempre facile, dato che le piattaforme di trading sono ormai tantissime.

È consigliabile quindi confrontare le diverse offerte su internet e verificare i costi che vengono applicati da ogni piattaforma.
Una volta effettuata la registrazione si potrà iniziare a operare.

Ogni ETF farà riferimento quindi a un particolare indice e quindi presenterà al suo interno una serie di prodotti che ne determinano il valore. Avrai quindi come punto di riferimento un prezzo specifico.

Naturalmente dato che l’ETF non è l’indice originale, il market maker, applicherà uno spread.

Tale termine sta a indicare una differenza economica che corrisponde al guadagno che il gestore del fondo otterrà ogni volta che effettui un acquisto o una vendita.
Quando effettui un’operazione attraverso la tua piattaforma di trading on-line, troverai quindi il valore dell’ETF con una percentuale in aggiunta.

Per esempio se il prezzo originario è di 50 € in caso di acquisto dovrai pagare 50,10 €.

Il corrispettivo è il costo aggiuntivo che il market maker identifica come spread.
Il prezzo ovviamente varierà in base alla domanda e all’offerta, permettendoti quindi di guadagnare sul differenziale.

Potrai quindi decidere di aprire una posizione di acquisto o di vendita in modo da avere un profitto sia nel caso in cui il valore del fondo cresce o inverte il suo andamento.

Perché investire negli ETF
Quali sono i vantaggi

Ma quali sono i vantaggi che hanno spinto sempre un maggior numero di traders a operare anche sugli ETF? Gli Exchange Traded Fund hanno influenzato il settore del trading on-line grazie alla possibilità di poter effettuare un investimento economico, semplice e sicuro.

  • Economicità: operare con gli ETF può essere molto vantaggioso dato che non si applicano commissioni in entrata e in uscita ma solo lo spread che corrisponde quindi al guadagno da parte del market maker. Anche le commissioni di gestione del fondo sono nettamente inferiori e vengono stabilite in proporzione al periodo di detenzione dell’ETF giorno per giorno. Il costo ridotto è dovuto principalmente alle strategie passive che caratterizzano questa tipologia di fondo d’investimento.

 

  • Semplicità dello strumento finanziario: altro grosso vantaggio riguarda la tipologia di operatività che puoi effettuare. Sarà possibile operare sia per i grandi investitori ma anche se sei un piccolo e medio trader. Grazie a questo prodotto potrai attingere a un paniere di titoli più ampio senza dover comprare i singoli titoli e quindi esporti finanziariamente.

 

  • Tutela degli investimenti: dato che la strategia su cui si basano gli ETF è quella di replicare un indice di riferimento, i tuoi investimenti sono al sicuro, dato che questa tipologia di fondo di investimento non è sottoposta a eventuale insolvenza.

 

  • Diversificazione degli investimenti: un ETF è comunque un fondo e quindi al suo interno vi saranno diversi titoli che lo rendono nel tempo un’ottima possibilità di guadagno. Acquisire delle posizioni in un Exchange Traded Fund ti permette di diversificare il tuo portafoglio in modo da poter bilanciare eventuali operazioni più rischiose.

 

Walter Moladori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *